Made in Assad

“Made in Assad” è un progetto per stomaci forti. 

E’ una storia di torture e torturati.

E’ la storia di persone coraggiose, traumatizzate, poi sole, poi salve e poi chissà… E’ la storia di Ibrahim, Mohamed, Mustafa, Shadi, Ahmad, Khaled, Hassan e molti altri… E’ la storia di me che entro nei loro racconti in punta di piedi, è la storia di te che stai leggendo e che sei esattamente come loro.
Qui l’unica cosa inventata, purtroppo, sono i nomi dei testimoni che vogliono restare anonimi; “Made in Assad” è una storia vera, difficile da raccontare per loro, difficile da scrivere per me, ma è l’unico passaporto che abbiamo oggi per la Siria e per comprendere quella terra così vicina e quelle persone così innocenti, in modo molto più chiaro di quanto non sia possibile fare leggendo i nostri giornali. Perché la verità è proprio questa: a un certo punto tutti hanno affrontato il tema di questa guerra civile che dura da 8 anni; giornali, web, televisione, tutti hanno parlato della Siria ma l’hanno fatto senza i siriani.

Nessuno ha chiesto a loro. 
Quasi nessuno…

“Made in Assad” diventerà presto un libro, un documento raro che raccoglierà le testimonianze inedite di alcuni sopravvissuti alle torture dell’attuale regime criminale siriano.

APPELLO: la tua testimonianza è fondamentale! Se sei stato vittima di tortura del regime e vuoi condividere la tua storia, oppure se vuoi raccontare la storia di un tuo amico o parente, anche in maniera anonima, puoi scrivermi una mail da qualsiasi parte del mondo tu sia a carunchio.paola@gmail.com.